Cultura, competitività, natura, territorio

Dall'Etica Nicomachea ad un Ambiente H2.0

La conoscenza del proprio habitat naturale è di primaria importanza sotto varie e variegate forme. E' vero che ognuno di noi, crede di conoscere il proprio ambiente dove e nato e cresciuto. Molte delle volte però non è così.

 

Ognuno di noi dovrebbe essere a coscenza in tempo reale della composizione chimica delle acque sorgive, dell'aria che respira, del terreno dove coltiva i prodotti biologici, dell'inquinamento acustico...

 

Cattivo esempio è stata finora, l'indifferenza delle persone ai casi di scempio ambientale quale l'Ilva di Taranto, il poligono interforze del salto di Quirra, del fibrocemento (o eternit) di Casale Monferrato. Insomma alte concentrazioni di Torio, Cadmio, Bario, Piombo, Tungsteno riversati negli ambienti circostanti.

 

La proposta sarebbe di distribuire o redistribuire (qualora già esistessero) servizi completamente free, provenienti da sistemi di monitoraggio ambientale, verso smartphone, palmari, tablet, ed ogni dispositivo mobile in genere.

 

La soluzione dovrebbe essere a basso costo e riproducibile come modello su altri ambienti. Una soluzione di questo tipo oltre a migliorare la qualità della vita, avrebbe ricadute su turismo e lavoro.

Tags

Voting

3 votes
Active
Idea No. 60