Comunità, inclusione, sussidiarietà, competenze

Attivare l'esperienza della comunità open source per "fare rete"

La comunità open source ha una lunga storia di collaborazione a distanza su progetti complessi, ovvero "dalla cattedrale al bazaar".

 

Oggi è essenziale, per arrivare ad attivare una vera “Crescita digitale” a livello locale, riuscire a “fare comunità” e “fare rete” per lavorare insieme anche a distanza sfruttando le tecnologie, per dialogare riguardo esperienze e prassi in una logica di scambio

reciproco e fruttuoso.

 

Sarebbe utile quindi attivare progetti ed iniziative per fare tesoro di quella logica che già da anni è stata sperimentata con successo per lo sviluppo del FLOSS, anche in Umbria, e trasferire tale conoscenza per applicarla in tutti gli ambienti (operatori della P.A., imprese, famiglie, ecc) anche in progetti non tecnologici.

 

[idea emersa il 28/03/2013 durante la discussione nell'incontro di presentazione dell'agenda al CCOS]

Tags

Voting

5 votes
Active
Idea No. 90